report
Come leggere e capire un report Facebook Ads

Report Facebook Ads: aiuto!

Hai creato la strategia, hai pubblicato i contenuti, la tua carta di credito si svuota a suon di click ma… Cosa dicono i dati delle tue campagne social? Sai interpretare le famose KPI di un report Facebook Ads oppure ti senti come Rosita?

report facebook

Hai due modi per valutare le performance delle tue attività sul colosso dei social: gli Insights e le KPI (indicatori chiave). I primi sono i dati che trovi sulla tua pagina Facebook e riguardano principalmente le performance dei post organici. Gli indicatori chiave invece, sono i dati che misurano l’andamento delle campagne e delle inserzioni sponsorizzate e li trovi sulla piattaforma pubblicitaria di Facebook: Business Manager.

Ora. Parliamoci chiaro. Il social network di Zuckerberg vive di pubblicità. Quindi, perché mostrare i tuoi post se non li sponsorizzi? Per questo c’è un’enorme differenza tra i contenuti messi in evidenza e quelli che si definiscono post organici. Puoi spremere le meningi fino a creare il contenuto più originale del mondo del marketing, ma se non lo sponsorizzi almeno quel minimo indispensabile, l’algoritmo di Facebook continuerà a penalizzarti.

Questo per dirti che, se ti aspetti dei dati pazzeschi negli insight, purtroppo dobbiamo deluderti. 😦

Per questo è più utile imparare a leggere i dati di Business Manager, soprattutto perché le campagne richiedono comunque un investimento.

Leggi anche “Quanto costa una campagna Facebook

Come accedere ai report? Puoi leggere già qualche dato cliccando sulla campagna o sulle singole inserzioni alla voce visualizza grafici. Oppure, dal pannello gestione inserzioni, vai nella sezione report pubblicitari e buttati nei dati del report di Facebook. Qui è possibile creare, esportare, condividere e programmare dei report con le metriche che vuoi tenere sotto controllo.

report ads

Prima di tutto, capiamo qual è il tuo obiettivo.

Vuoi ottenere più conversioni sul tuo sito e-commerce? Allora monitoreremo quante persone concludono l’acquisto, qual è il costo per acquisto (spesa sostenuta per l’inserzione diviso per il numero totale di acquisti) e il costo per l’aggiunta al carrello (spesa totale divisa per il numero di prodotti aggiunti al carrello).

Altra tipologia di conversioni sono le iscrizioni alla newsletter o quante visualizzazioni ha ottenuto il video che hai condiviso. Per valutare il successo complessivo di questo tipo di campagna, è utile guardare la frequenza di conversione, ovvero il numero di conversioni diviso per il numero di click.

Se invece il tuo obiettivo è aumentare la popolarità del tuo brand, imposterai una campagna di copertura o di notorietà del brand. Dovrai tenere sotto controllo quante persone hanno effettivamente raggiunto la tua inserzione, quanti click hai ottenuto sugli eventuali link e qual è il costo per ogni visualizzazione o click.

ads dati e analisi

Stessa cosa se hai un obiettivo traffico. In questo caso vuoi che gli utenti visitino un sito in particolare e clicchino sul link che hai pubblicato, quindi monitorerai il numero di click complessivo, il Click-through-rate, ovvero il numero di click diviso le impressioni, e il CPC, o costo per click.

La tua campagna ha come obiettivo quello di guadagnare nuovi clienti, i famosi lead? Il dato da tenere monitorato sarà allora il costo per contatto acquisito.

Insomma, non solo like, commenti e condivisioni. Come abbiamo visto, i dati da osservare sono molto più complessi, soprattutto se si vogliono raggiungere degli obiettivi specifici mantenendo contenuto il proprio budget.

Hai già indossato gli occhiali e stai strabuzzando gli occhi tra tutti quei numeretti vero? ads facebook kpi

Non preoccuparti, vuoi saperne di più sulle campagne Facebook? 👇

CONTATTACI

Facebook ads campagne online
Facebook Ads: quanto costa una campagna

Facebook Ads, quanto mi costi?

Hai una pagina Facebook sempre aggiornata, i contenuti sono di qualità, carichi belle immagini, scrivi copy accattivanti eppure hai pochissime visualizzazioni e like? Dobbiamo confessartelo… Senza investimenti in pubblicità e inserzioni, l’algoritmo di Facebook è un vero boia mascherato!

facebook ads pubblicità

Utilizzare Facebook ads è fondamentale per sopravvivere nel “pagliaio” digitale del social network più famoso, a meno che tu non preferisca fare la parte dell’ago. Ma diciamolo, i social media sono importanti ed è meglio non sottovalutarli. Facebook in particolare, è uno strumento molto utile per raggiungere il giusto pubblico per la propria attività, per fidelizzare i clienti già conquistati e per guadagnarne di nuovi.

Ma quanto costa Facebook ads? 🤔

La risposta è DIPENDE. Per prima cosa bisogna che tu abbia ben chiaro quale obiettivo vuoi raggiungere per la tua attività. Sulla base degli obiettivi infatti, si impostano target e strategia e quindi anche il budget. Facile no? Sì, perché magari hai un’attività ben avviata e su Facebook ti basta avere un giusto numero di follower e qualche like in più ai tuoi post.

Leggi anche “Stagione estiva, come prepararsi

Oppure hai un’attività giovane e in espansione e investire nei canali digitali può fare la differenza. Se invece sei in una fase “calante” – come molti, visto il periodo – magari sei ben propenso a valutare uno strumento nuovo per aumentare le vendite.

In ognuno di questi casi, i costi sono diversi. A volte un piccolo budget è sufficiente, mentre altre bisogna fare un investimento più consistente. Tranquillo, in ogni caso non serve che tu sia il lupo di Wall Street 🤭

facebook ads costo

Facciamo un esempio. Hai una bella pagina con dei contenuti curati e aggiornati e vuoi aumentare visualizzazioni e interazioni di alcuni post – perché magari parlano di un’offerta importante o mostrano una novità o semplicemente vuoi vedere lievitare il numerino dei like. In questo caso, sarà sufficiente mettere in evidenza quei post. Con un piccolo investimento di 10 euro, in pochi giorni riuscirai a scalare l’algoritmo ed ottenere quindi il tuo spazio di visibilità.

Se invece hai un hotel e a ridosso della stagione vuoi creare degli annunci per sponsorizzare determinate offerte, allora è tutta un’altra storia. In questo caso infatti, bisognerà creare una o più campagne a seconda della tipologia di contenuti, target, tempistiche e obiettivi.

Leggi anche “Come guadagnare clienti con i social

Prendiamo la classica offerta “prenota prima” per usufruire degli sconti. Se il termine è il 15 giugno, bisognerà pubblicizzare l’offerta già da fine maggio. Tutto dipende dai risultati che vogliamo ottenere, il costo in questo caso potrebbe variare e lievitare.

Mara Maionchi Oddio O Mio Dio Ancora No Salvatemi Aiuto GIF - MaraMaionchi OhMyGosh OhMyGod GIFs

Lo sai qual è il segreto? Non fermarsi al costo totale. Il vero dato da analizzare è il costo per risultato, ovvero quanto spedi per ogni conversione/prenotazione ottenuta. Inoltre, se hai speso 100 euro e hai ottenuto – facciamo un esempio – 20 prenotazioni, allora direi che hai fatto un ottimo investimento!

Vuoi sapere qual è il giusto budget per la tua attività? Contattaci! 👇CONTATTACI