report
Come leggere e capire un report Facebook Ads

Report Facebook Ads: aiuto!

Hai creato la strategia, hai pubblicato i contenuti, la tua carta di credito si svuota a suon di click ma… Cosa dicono i dati delle tue campagne social? Sai interpretare le famose KPI di un report Facebook Ads oppure ti senti come Rosita?

report facebook

Hai due modi per valutare le performance delle tue attività sul colosso dei social: gli Insights e le KPI (indicatori chiave). I primi sono i dati che trovi sulla tua pagina Facebook e riguardano principalmente le performance dei post organici. Gli indicatori chiave invece, sono i dati che misurano l’andamento delle campagne e delle inserzioni sponsorizzate e li trovi sulla piattaforma pubblicitaria di Facebook: Business Manager.

Ora. Parliamoci chiaro. Il social network di Zuckerberg vive di pubblicità. Quindi, perché mostrare i tuoi post se non li sponsorizzi? Per questo c’è un’enorme differenza tra i contenuti messi in evidenza e quelli che si definiscono post organici. Puoi spremere le meningi fino a creare il contenuto più originale del mondo del marketing, ma se non lo sponsorizzi almeno quel minimo indispensabile, l’algoritmo di Facebook continuerà a penalizzarti.

Questo per dirti che, se ti aspetti dei dati pazzeschi negli insight, purtroppo dobbiamo deluderti. 😦

Per questo è più utile imparare a leggere i dati di Business Manager, soprattutto perché le campagne richiedono comunque un investimento.

Leggi anche “Quanto costa una campagna Facebook

Come accedere ai report? Puoi leggere già qualche dato cliccando sulla campagna o sulle singole inserzioni alla voce visualizza grafici. Oppure, dal pannello gestione inserzioni, vai nella sezione report pubblicitari e buttati nei dati del report di Facebook. Qui è possibile creare, esportare, condividere e programmare dei report con le metriche che vuoi tenere sotto controllo.

report ads

Prima di tutto, capiamo qual è il tuo obiettivo.

Vuoi ottenere più conversioni sul tuo sito e-commerce? Allora monitoreremo quante persone concludono l’acquisto, qual è il costo per acquisto (spesa sostenuta per l’inserzione diviso per il numero totale di acquisti) e il costo per l’aggiunta al carrello (spesa totale divisa per il numero di prodotti aggiunti al carrello).

Altra tipologia di conversioni sono le iscrizioni alla newsletter o quante visualizzazioni ha ottenuto il video che hai condiviso. Per valutare il successo complessivo di questo tipo di campagna, è utile guardare la frequenza di conversione, ovvero il numero di conversioni diviso per il numero di click.

Se invece il tuo obiettivo è aumentare la popolarità del tuo brand, imposterai una campagna di copertura o di notorietà del brand. Dovrai tenere sotto controllo quante persone hanno effettivamente raggiunto la tua inserzione, quanti click hai ottenuto sugli eventuali link e qual è il costo per ogni visualizzazione o click.

ads dati e analisi

Stessa cosa se hai un obiettivo traffico. In questo caso vuoi che gli utenti visitino un sito in particolare e clicchino sul link che hai pubblicato, quindi monitorerai il numero di click complessivo, il Click-through-rate, ovvero il numero di click diviso le impressioni, e il CPC, o costo per click.

La tua campagna ha come obiettivo quello di guadagnare nuovi clienti, i famosi lead? Il dato da tenere monitorato sarà allora il costo per contatto acquisito.

Insomma, non solo like, commenti e condivisioni. Come abbiamo visto, i dati da osservare sono molto più complessi, soprattutto se si vogliono raggiungere degli obiettivi specifici mantenendo contenuto il proprio budget.

Hai già indossato gli occhiali e stai strabuzzando gli occhi tra tutti quei numeretti vero? ads facebook kpi

Non preoccuparti, vuoi saperne di più sulle campagne Facebook? 👇

CONTATTACI

App personalizzata: perché è indispensabile

5 motivi per creare un’app personalizzata

Gli smartphone in Italia sono più di 80 milioni a fronte di una popolazione di 60 milioni e la crescita del mobile nell’ultimo anno è del 129%. Lo diffonde il report Digital 2021, in cui si legge anche che il 92% del tempo trascorso su mobile viene impiegato su app, rispetto all’8% trascorso su web browser.

Insomma, il mercato degli smartphone è in pieno boom e la domanda da porsi forse, non è perché creare un’app per la propria attività, ma PERCHE’ NON FARLO!

E poi ammettilo. Anche tu sei uno di quelli che portano con sé il telefono anche nella stanza più importante della casa: il bagno!

app personalizzata mobile

1.Rendi popolare il tuo brand

Te lo immagini? Entri sull’app store del tuo smartphone e trovi l’app della tua attività con il tuo logo e i tuoi colori. Che emozione! 😍 Avere la tua app significa poi aumentare la visibilità del tuo marchio e rafforzare la brand identity.

Oltre a dimostrare di essere al passo con le ultime tendenze e novità del mondo digitale, infatti, darai l’idea di un’attività ben strutturata con un’immagine digitale più forte, riconoscibile e sempre “sotto gli occhi” di utenti potenzialmente interessati ai tuoi servizi. Aumenterai la tua popolarità e raggiungerai più utenti possibili proprio quando il mercato del mobile è nel momento della sua massima espansione.

2. Resta in contatto con i tuoi clienti

L’app è un canale molto più diretto rispetto a un sito web e a formali mail. Con un click i tuoi clienti possono contattarti e tramite le notifiche push, possono ricevere aggiornamenti e comunicazioni importanti ovunque siano. Cosa c’è di più comodo?

Fai trovare alle persone ciò che cercano in poco tempo, valorizza i loro bisogni e interessi con una comunicazione su misura, proponi contenuti utili e interessanti che aumentino il coinvolgimento.

Leggi anche “Come creare contenuti efficaci con il copywriting

Creerai un rapporto più diretto e informale e avrai clienti più interessati e fidelizzati aumentando così le possibilità di conversione. Insomma, i tuoi clienti ti ameranno sempre di più!

app personalizzata android

3. Facile e veloce

Rispetto al web, l’app personalizzata è molto più veloce! E sappiamo quanto sia importante la velocità per ottenere quel tanto desiderato click sul pulsante acquista o prenota.

👉Pensa ai tap, swipe, punch e così via!

Inoltre, l’app non è connessa ad alcun server e questo significa che per recuperare i dati e caricare le informazioni ci metterà meno di un millesimo di secondo, offrendo una navigazione più agevole e un’usabilità che sfida i siti mobile friendly delle più grandi aziende.

Leggi anche “come avere un sito web che funziona

E poi, ripetiamolo ancora una volta perché, in fin dei conti, è la cosa più importante. L’app personalizzata facilita tantissimo il processo di acquisto. Basta un click in qualsiasi momento e la conversione è andata buon fine!

4. Raggiungi i clienti ovunque siano

Uno degli aspetti migliori di avere un’app personalizzata è sicuramente questo. Rispondere a una mail a volte richiede tempo, un tono formale, i saluti… Già ti stai annoiando! Con l’app invece è tutto un attimo.

Raggiungi i clienti con le notifiche push, li aggiorni in tempo reale e comunichi con pochi click, ovunque si trovino! Sfrutta la fotocamera, il riconoscimento vocale e soprattutto il GPS, con un’app tutto è più semplice.

5. L’app come vuoi tu

In base al tipo di attività che hai, puoi creare contenuti, sezioni e funzionalità che meglio rappresentano il tuo brand. La tua app sarà davvero UNICA! E cosa vuoi di più? 😍

app personalizzata ios

 

Vuoi saperne di più sulla tua app personalizzata? Contattaci! 👇

CONTATTACI

Facebook ads campagne online
Facebook Ads: quanto costa una campagna

Facebook Ads, quanto mi costi?

Hai una pagina Facebook sempre aggiornata, i contenuti sono di qualità, carichi belle immagini, scrivi copy accattivanti eppure hai pochissime visualizzazioni e like? Dobbiamo confessartelo… Senza investimenti in pubblicità e inserzioni, l’algoritmo di Facebook è un vero boia mascherato!

facebook ads pubblicità

Utilizzare Facebook ads è fondamentale per sopravvivere nel “pagliaio” digitale del social network più famoso, a meno che tu non preferisca fare la parte dell’ago. Ma diciamolo, i social media sono importanti ed è meglio non sottovalutarli. Facebook in particolare, è uno strumento molto utile per raggiungere il giusto pubblico per la propria attività, per fidelizzare i clienti già conquistati e per guadagnarne di nuovi.

Ma quanto costa Facebook ads? 🤔

La risposta è DIPENDE. Per prima cosa bisogna che tu abbia ben chiaro quale obiettivo vuoi raggiungere per la tua attività. Sulla base degli obiettivi infatti, si impostano target e strategia e quindi anche il budget. Facile no? Sì, perché magari hai un’attività ben avviata e su Facebook ti basta avere un giusto numero di follower e qualche like in più ai tuoi post.

Leggi anche “Stagione estiva, come prepararsi

Oppure hai un’attività giovane e in espansione e investire nei canali digitali può fare la differenza. Se invece sei in una fase “calante” – come molti, visto il periodo – magari sei ben propenso a valutare uno strumento nuovo per aumentare le vendite.

In ognuno di questi casi, i costi sono diversi. A volte un piccolo budget è sufficiente, mentre altre bisogna fare un investimento più consistente. Tranquillo, in ogni caso non serve che tu sia il lupo di Wall Street 🤭

facebook ads costo

Facciamo un esempio. Hai una bella pagina con dei contenuti curati e aggiornati e vuoi aumentare visualizzazioni e interazioni di alcuni post – perché magari parlano di un’offerta importante o mostrano una novità o semplicemente vuoi vedere lievitare il numerino dei like. In questo caso, sarà sufficiente mettere in evidenza quei post. Con un piccolo investimento di 10 euro, in pochi giorni riuscirai a scalare l’algoritmo ed ottenere quindi il tuo spazio di visibilità.

Se invece hai un hotel e a ridosso della stagione vuoi creare degli annunci per sponsorizzare determinate offerte, allora è tutta un’altra storia. In questo caso infatti, bisognerà creare una o più campagne a seconda della tipologia di contenuti, target, tempistiche e obiettivi.

Leggi anche “Come guadagnare clienti con i social

Prendiamo la classica offerta “prenota prima” per usufruire degli sconti. Se il termine è il 15 giugno, bisognerà pubblicizzare l’offerta già da fine maggio. Tutto dipende dai risultati che vogliamo ottenere, il costo in questo caso potrebbe variare e lievitare.

Mara Maionchi Oddio O Mio Dio Ancora No Salvatemi Aiuto GIF - MaraMaionchi OhMyGosh OhMyGod GIFs

Lo sai qual è il segreto? Non fermarsi al costo totale. Il vero dato da analizzare è il costo per risultato, ovvero quanto spedi per ogni conversione/prenotazione ottenuta. Inoltre, se hai speso 100 euro e hai ottenuto – facciamo un esempio – 20 prenotazioni, allora direi che hai fatto un ottimo investimento!

Vuoi sapere qual è il giusto budget per la tua attività? Contattaci! 👇CONTATTACI

 

Copywriting efficace: tutto quello che devi sapere

Il copywriting per vendere

Vai nell’archivio del tuo computer/server o qualsiasi dispositivo tu abbia. Prendi la foto del tuo miglior cliente e guardala bene. È a lui che devi parlare per riuscire a comunicare con il tuo target perché lui – o lei – lo rappresenta al meglio.

Chiamiamolo Guidobaldo (sappi che la scelta del nome è puramente casuale 😄). Immagina di dover parlare con lui e di dovergli spiegare la tua attività e i servizi che offri. Questo è il copywriting: scrivere contenuti giusti per il giusto target sulla base di una buona strategia di marketing.

Sì, sentiti osservato, Guidobaldo ti guarda e giudica ogni tuo testo.

copywriting hotel

Ma partiamo dal principio. Il copywriting ha che fare con il testo, ma non è solo IL TESTO 🤔. Sì, perché tutto parte, come abbiamo accennato, da una giusta impostazione della strategia di marketing. Qualsiasi attività tu abbia, avrai impostato degli obiettivi, un pubblico di riferimento, i canali da utilizzare e delle azioni da intraprendere.

Ecco, solo a questo punto arrivano i contenuti, in particolare quelli che hanno a che fare con le care e vecchie carta e penna. Tu dirai, “ah ma oggi ormai non legge più nessuno, soprattutto sui siti…”. Possiamo dirti che non è assolutamente vero. In un mondo virtuale in cui siamo circondati – se non letteralmente bombardati – da immagini e video, la parola scritta mantiene ancora il suo trono.

copywriting persuasivo

Certo, il tempo di attenzione si è accorciato tantissimo, quindi bando a poemi cavallereschi e termini da sofisti. Prediligi invece frasi brevi, titoli, testi d’effetto che generano curiosità condensando l’informazione.

La scelta dello stile, del tono di voce e delle parole da utilizzare non sono il frutto di un mix casuale ma rispondono a precisi obiettivi. Prendiamo ad esempio i social media. Come ti rivolgi alla tua community? Che utilizzo fai delle emoji? Quali contenuti pubblichi regolarmente? Sono domande importanti da farsi per impostare il giusto stile di copywriting e fare in modo che sia omogeneo e in linea con gli obiettivi della strategia di marketing.

Leggi anche “Marketing turistico: come prepararsi

Se hai un hotel di design con piscina, servizi di eccellenza e una cucina con un ristorante pazzesco, non puoi scrivere sui social “Ehi ragazzi, venite a fare un tuffo oggi?” 🤦. Il tono colloquiale va molto online, soprattutto su Facebook, ma questo non vuol dire che sia giusto per la tua attività. copywriting persuasivo

Entriamo nel dettaglio. Prima di tutto, e credimi non è scontato, fai attenzione alla grammatica. Siamo abituati a scrivere velocemente, i refusi capitano. Cerca di risvegliare l’attenzione di chi legge, usa delle domande che descrivano non il servizio, ma l’esperienza o l’emozione che quel servizio offre. Spieghiamoci meglio.

Leggi anche “Guadagnare clienti con i social

Non ti scrivo che ho un ottimo ristorante in cui preparo ricette della tradizione e uso prodotti freschi. Ti racconterò che la cucina per me è una passione, che scelgo gli ingredienti sentendone il profumo e che seguo le ricette di casa perché non voglio offrire un pranzo, bensì l’emozione di tornare bambino al pranzo della domenica dalla nonna.

Crea un testo chiaro, evita aggettivi inutili e preferisci il tempo presente, che è più immediato. Scegli delle parole che attivino l’immaginazione, puoi anche usare l’ironia, basta che sia in linea con il tuo target. Evita le frasi troppo lunghe, scegli invece termini semplici e chiari. Chi arriva sul tuo sito, su un post o apre la tua newsletter deve trovare tutto quello che cerca in pochissimo tempo. La parola chiave in questo caso è immediatezza. Hai 10 secondi per convincere Guidobaldo.

copywriting a

Aiutati anche con le immagini. Spesso sono la prima cosa che si nota, arricchiscono il testo e generano molto interesse. Scegli delle belle foto di alta qualità e gioca di fantasia. Un bel titolo e il gioco è fatto.

Hai dei dubbi? Contattaci! 👇CONTATTACI

 

marketing turistico hotel
Marketing turistico per la stagione estiva: come prepararsi

Marketing turistico e stagione estiva: fatti trovare pronto!

 

La stagione estiva 2021 è finalmente alle porte. Le regole ferree del governo sembrano addolcirsi giusto quel poco e anche se il meteo fa ancora un po’ il ballerino, siamo tutti d’accordo sul grande desiderio di ripartenza. Il sole, l’allegria, la musica, quelle serate estive che ti rimangono per sempre… Ma sei sicuro di essere pronto per la nuova stagione estiva e di avere la giusta strategia di marketing turistico?

Dopo tutto questo tempo in cui siamo rimasti congelati – e anche preoccupati – è giusto fare un veloce check-up per poter partire con il piede giusto e passare la tanto temuta prova cost… – Digital!

 

marketing turistico prova

Come stanno i tuoi social?

Sento dei lamenti di solitudine… E sono sicura che provengono dai tuoi canali social! È un po’ che non controlli gli aggiornamenti – non ricordi nemmeno la password, vero? 🤭 – e l’ultimo post risale all’anteguerra.

È ora di mettersi al lavoro, definire un piano editoriale, creare dei contenuti e magari cambiare quella vecchia foto di copertina che giace da tempo sconsolata.

Controlla le informazioni importanti, sono corrette o nel frattempo hai apportato dei cambiamenti alla tua attività per cui vanno aggiornate?

Non improvvisare, soprattutto in questo periodo delicato le persone sono molto più selettive nelle proprie scelte ed è importante comunicare al meglio le proprie attività e i propri punti di forza.

Leggi anche “Come guadagnare clienti con i social media

Newsletter

Rispolvera i vecchi contatti e offri loro qualcosa di speciale! Più di tutto in questo momento abbiamo bisogno di sognare, di sperare e magari di programmare una vacanza o un’esperienza che ci faccia sentire di nuovo liberi.

marketing turistico libertà

A seconda della tua attività e del target a cui ti rivolgi, pensa a qualcosa di divertente o che susciti emozioni, proponi un regalo, degli sconti o delle offerte speciali.

Magari rinnova leggermente la veste grafica, usa dei colori più accesi che trasmettano allegria e voglia di ripartire. Comunica questa energia positiva anche con le parole, sceglile con cura. Chi legge non cerca solo un prodotto – qualsiasi esso sia – ma l’emozione che quello gli fa provare. Ricordatene sempre!

Leggi anche “L’email marketing che funziona

Pubblicità

Si sa, senza investimenti non si va molto lontano. Ma tranquillo, non necessariamente servono cifre da far “rizzare i capelli”!

marketing turistico online

Bastano delle idee mirate, dei contenuti accattivanti e il giusto messaggio per il giusto target. Facebook e Google sono sicuramente i due primi canali in cui investire. Ti serve qualche consiglio?

Leggi qui: 5 consigli per l’annuncio perfetto

 

Il tuo sito web

E il tuo sito come sta? Controlla in particolare le sezioni dinamiche come la pagina delle offerte o quella degli eventi. Sono aggiornate o ci sono ancora iniziative degli anni passati?

Anche qui inserisci qualche offerta speciale da comunicare poi sui social e tramite newsletter. Non servono super sconti, basta qualche piccola attenzione o una novità che incuriosisca i potenziali clienti e li spinga a scegliere la tua attività piuttosto che quella del tuo concorrente.

Che ne dici di cambiare qualche foto? Rinnovare la propria immagine ogni tanto non può che essere positivo, un po’ come quando si cambia taglio di capelli no?

Rinnova qualche ambiente, pensa a qualche attività diversa da proporre ai tuoi clienti. Per esempio molti hotel della Riviera adriatica propongono il servizio di pranzo in spiaggia o, dal momento che è cambiata l’idea di vacanza e si cerca di evitare luoghi affollati per mantenere il giusto distanziamento, molti hanno allungato il servizio colazione fino alle 12 o creato un servizio di brunch.

Leggi anche “Creare un sito che genera traffico“!

  CONTATTACI

creare un sito web efficace
Come creare un sito web efficace che genera traffico

Creare un sito web che funziona 

Sei sicuro che il tuo sito sia ottimizzato ed efficace? Creare un sito web che funziona non è così scontato, anzi! Eppure, è uno degli strumenti più importanti, soprattutto per un hotel, che può ottenere prenotazioni dirette scavalcando in questo modo i superpoteri delle OTA.

Ma come deve essere un sito per avere più traffico ed essere quindi un ottimo strumento di marketing?

creare un sito web che funziona

Partiamo dalla cosa che sembra più semplice: l’estetica. Come qualsiasi prodotto o servizio è importantissimo che il sito sia bello. Certo, la bellezza è nell’occhio di chi guarda ma seguire delle linee guida di base è sempre una buona idea.

Bei colori che richiamano il brand e il logo, immagini ad alta risoluzione che catturano lo sguardo, icone, titoli grandi che incuriosiscono… Tanti sono gli elementi che rendono la tua immagine online piacevole o, al contrario – speriamo di no – poco affidabile. 😱

Scrittura e lettura sul web sono completamente diversi da quelli sulla cara vecchia carta. Le persone non hanno voglia di leggere testi lunghi, con font diversi e soprattutto, sullo schermo dello Smartphone perché – diciamocelo – anche se hai comprato l’ultimo modello, non è così piacevole leggere sul telefono.

creare un sito web hotel

 

Concentra le informazioni più importanti e i punti forti della tua attività nell’homepage e in particolare, nella parte più alta delle tue pagine. Fai in modo che le informazioni importanti e quelle che servono all’utente siano ben visibili.

Uno delle cose più importanti è che il sito sia veloce, facile e che le persone arrivino dove vogliono in pochi click. Il menu deve essere breve e chiaro, le informazioni come numero di telefono, indirizzo e i pulsanti per i social media devono essere SUPER VISIBILI, così come i bottoni con le call to action come “prenota” o “richiedi preventivo”.

Less is more, si dice spesso. Vale anche per creare un sito web che funziona! Poco testo, informazioni corrette e titoli che attirano l’attenzione e generano curiosità.

creare un sito web rimini

Altra cosa importantissima: le immagini. Se hai un hotel, inserisci delle belle foto delle camere, di alcuni dettagli e degli ambienti comuni. Soprattutto quest’anno, è fondamentale avere degli ambienti ampi per il rispetto delle norme di distanziamento… Se hai degli spazi grandi e ariosi, fai in modo che si vedano!

Ricordati inoltre di inserire le recensioni dei tuoi clienti. Sempre più persone scelgono l’hotel per le loro vacanze seguendo i consigli degli utenti del web, in particolare su TripAdvisor e Google, quindi inserisci alcune delle recensioni più belle nel tuo sito, in una sezione dedicata o in fondo alla pagina principale.

Ultima cosa – promesso 🤭- non dimenticare di controllare che il tuo sito sia mobile friendly, insomma che funzioni super bene anche su Smartphone, che è lo strumento più utilizzato in tutto il mondo.

La stagione sta per iniziare, vuoi fare delle modifiche o creare un sito web completamente nuovo? Fatti trovare pronto dai tuoi clienti con un sito bello, veloce e user friendly. Contattaci!

Leggi anche “nuovo sito web non perdere l’occasione“! 

  CONTATTACI